news-details
ADRANO-BRONTE-BIANCAVILLA

Lotta al diabete

Lions e Leo insieme nella prevenzione diabetologica

Domenica 24 Novembre 2019 il Lions Club ed il Leo Club Adrano Bronte Biancavilla, nell’ambito del loro programma di service sanitari e del mese dedicato alla lotta al diabete, hanno organizzato nei locali del Superstore Decò, sito al confine dei territori di Adrano e Biancavilla, la “Giornata di prevenzione del Diabete”.

In tale occasione è stato effettuato uno screening gratuito del diabete. 

La manifestazione è stata coordinata dal Dott. Domenico Arcoria (Diabetologo e Delegato Distrettuale Lions per la prevenzione e attività contro il Diabete) con la collaborazione di un team sanitario specialistico.

Presenti alla manifestazione il Presidente del Lions Club Adrano Bronte Biancavilla arch. Nicola Francesco Neri, il Presidente Leo dott. Nicola Verzì con i rispettivi segretari di club e molteplici soci che invitavano i clienti del centro commerciale ad avvicinarsi alla postazione sanitaria per sottoporsi all’esame gratuito, spiegando loro dell’importanza del controllo preventivo.

L’iniziativa ha visto la partecipazione di numerosi cittadini che si sono sottoposti allo screening epidemiologico, avvalendosi di glucometri di ultima generazione, consentendo all’équipe specializzata di effettuare circa cento esami; l’immediato risultato delle analisi ed i consigli dei medici presenti hanno pienamente soddisfatto gli utenti tutti, che hanno gradito ed apprezzato molto l’iniziativa.

Sono stati reclutati 95 soggetti di cui 60 maschi (51,3%) e 35 femmine (29,7%) tutti di età compresa fra 22 e 78 anni. In tutti è stata valutata la glicemia a digiuno e comunque almeno 2 ore dopo colazione. Sono stati considerati normali i soggetti con glicemia basale minore di 110 mg/dl e diabetici quelli con valori maggiori o uguali a 126 mg/dl. Gli individui con glicemia a digiuno di 110-126 mg/dl sono stati considerati soggetti con “Alterata Glicemia a Digiuno” (Impaired Fasting Glucose), IFG.

Valori di glicemia normali sono stati riscontrati in 63 soggetti (60%). Sono risultati diabetici o IFG (Impaired Fasting Glucose) 15 soggetti (35% della popolazione in studio): 5 maschi (4,9 % diabetici). Dei diabetici 9 soggetti (8,8 % della popolazione in studio), conoscevano il loro stato di malattia (diabete noto e/o trattato con farmaci). Invece 8 soggetti (11,3% della popolazione in studio) non conoscevano il loro stato di malattia; questi erano tutti maschi, nessuna delle donne è risultata essere diabetica. 

 7 soggetti (6,9% della popolazione in studio), corrispondevano ai criteri di Alterata Glicemia a Digiuno –IFG o IGT (Intolleranti agli idrati di carbone). Di questi nessuno era al corrente del proprio stato glico-metabolico. 

In conclusione il quadro che emerge da questa indagine è che la prevalenza di soggetti con diabete, noto e non, in questo comprensorio è superiore alla media nazionale (5%). Si noti che la prevalenza totale di diabetici nella popolazione in studio è risultata 11,3%, mentre la percentuale di soggetti per malattia già diagnosticata era del 8,8 %. Considerata l’alta incidenza di complicanze del diabete e il basso costo e la facile realizzazione dei controlli glicemici, esistono senz’altro indicazioni all’esecuzione di screening su vasta scala che consentirebbero una precoce diagnosi e cura della malattia. La diffusione capillare dei test di screening potrebbe consentire di ottenere dati pressoché definitivi sulla reale prevalenza del diabete nella nostra isola. Da questa analisi dei dati, seppur non significativa statisticamente, la percentuale dei pazienti con diabete conclamato e con diabete misconosciuto è stata il doppio della media nazionale. Nonostante il dato possa apparire sovrastimato la letteratura riporta alcune zone della Sicilia e della Sardegna con percentuali eccezionalmente più alte rispetto alla media nazionale.