news-details
MISTRETTA NEBRODI

I Lions Club Mistretta Nebrodi per lo sviluppo sostenibile: Agenda 2030

L'area protetta del Parco dei Nebrodi è stata anticipatrice di questo nuovo ed innovativo modello di sviluppo

Un’interessante iniziativa incentrata sul tema dello Sviluppo sostenibile e sul piano di azione di Agenda 2030, si è tenuta a Tusa, presso la Chiesa dell’Oratorio organizzata dal Lions Club Mistretta Nebrodi.

I lavori, moderati da Ignazio Digangi, presidente del LC Mistretta Nebrodi, hanno visto alternarsi al tavolo: Angelo Tudisca, vice Sindaco di Tusa, Gianluca Ferlito, Commissario Straordinario del Parco dei Nebrodi, Giovanni Cavallaro, Capo IRF di Messina, Agatino Sidoti, capo UST di Messina, Angelo Merlino, dell’Ordine Agronomi e Forestali di Messina, Michele Orifici, vice presidente SIGEA, Salvatore Granata di Legambiente Nebrodi e Lucrezia Lorenzini, responsabile Area Ambiente del Distretto Lions Sicilia.

Nel mese di settembre del 2015 la Comunità Internazionale ha ridefinito gli Obiettivi stabiliti in precedenza proponendo un nuovo Programma d’Azione denominato AGENDA 2030, articolato in 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Goals) e in 169 traguardi (Target). Per raggiungere tali obiettivi tutti gli Stati devono impegnarsi a promuovere un modello di sviluppo sostenibile e a tale nuovo processo innovativo, infatti, sono chiamati a partecipare tutti gli attori della Comunità Internazionale (Stati, Organizzazioni Internazionali e Organizzazioni non Governative).

Gli interventi degli esperti e qualificati relatori si sono soffermati in particolare su due dei diciassette obiettivi: l’Obiettivo 2, che riguarda la lotta alla fame, la sicurezza alimentare, l’agricoltura sostenibile e l’obiettivo 15, incentrato sulla protezione dell’ambiente, sulla gestione della sostenibilità delle foreste, sul contrasto alla desertificazione e l’arresto del degrado del terreno e della perdita di biodiversità.

Nel corso del Convegno è stato sottolineato come l’area protetta del Parco dei Nebrodi sia stata anticipatrice di questo nuovo ed innovativo modello di sviluppo del territorio legato al nuovo standard di riferimento che è appunto Agenda 2030. L’attività del Parco dei Nebrodi ha infatti, introdotto una gestione sostenibile del sistema forestale, di fruizione ed infrastrutturazione del territorio promuovendo progetti per la tutela della biodiversità ed in particolare quello dell’istituzione di una Banca del Germoplasma sita ad Ucria, ove sono conservati tra l’altro oltre sessanta ecotipi locali di semi di fagiolo.

E’ stato puntualizzato altresì come gli Ordini professionali stiano già mettendo in atto gli standard contenuti negli obiettivi di Agenda 2030 nella stesura dei progetti e stiano rafforzando l’attività formativa destinata agli iscritti e quella divulgativa rivolta invece alla popolazione sui contenuti della stessa Agenda 2030.

I Lions, come ha puntualizzato la Prof. Lucrezia Lorenzini, hanno inteso promuovere nella propria attività di servizio questo modello innovativo di sviluppo proposto da Agenda 2030 in linea con quanto suggerito dall’O.N.U., da cui da ben 72 anni il Lions Clubs International ha ricevuto non a caso lo status consultivo nell’ambito del Consiglio Economico e Sociale, organo impegnato nell’assistenza sociale dei popoli del mondo.