news-details
PALERMO LEONI

Effetti auditivi del rumore e del silenzio

Convegno del 15 febbraio Caserma Cancelosi

L’aula magna della Caserma Cangelosi, della Guardia di Finanza di Palermo, ha ospitato l’importante convegno su: EFFETTI AUDITIVI DEL RUMORE E DEL SILENZIO, organizzato dall’U.O.D. di Audiologia del Policlinico Universitario di Palermo, tramite la Direzione Scientifica composta dal prof. Gianfranco Cupido, docente di Otorinolaringoiatria, dal dottor Aldo Messina, Direttore U.O. Audiologia del Policlinico e dal dottor Francesco Cupido, ricercatore universitario della materia.

Nel razionale scientifico proposto nella brochure, veniva evidenziato un simpatico aneddoto: “Il professor Giorgio Grisanti, docente emerito di Audiologia, colloquiando in Clinica con un alto prelato ebbe a ricordargli” Il rumore non fa bene”. L’alto prelato, per nulla colpito dall’affermazione, gli rispose subito “ma il bene non deve far rumore”.  

Probabilmente la ragione intrinseca di questo convegno “Effetti Uditivi e No del Rumore e…del Silenzio, è tutto contenuto in questo scambio di battute. Ma cos’è il rumore? In latino il suffisso “Rug” indica l’andar fuori dalla normalità (da cui anche ruggire, ruttare) e “morem”, suono (come in muggire). Il termine indica sempre la presenza di un segnale di disturbo anche se possiede una diversa definizione in fisica acustica dove è indicato come “Somma di oscillazioni irregolari, intermittenti o statisticamente casuali” che in filosofia dove si identifica con il grave scandalo (esempio c’è stato molto rumore in tutto il paese o è un fatto che ha messo a rumore tutta la città.  In ambito audiologico, il rumore acquisisce una sua identità psicoacustica. E’ rumore qualsiasi suono non desiderato che in quanto tale riporta non solo conseguenze al sistema uditivo (sordità, acufeni e vertigini) ma anche alle altre funzioni del nostro organismo. Emerge la necessità di ricorrere al silenzio ma non al solo fine di non affaticare il nostro sistema nervoso centrale e neanche per voltare le spalle al mondo, ma per osservarlo e capirlo. Perché il silenzio non è un vuoto inquietante ma l'ascolto di quei suoni interiori che non ricordiamo più di possedere.

Con queste premesse scientifiche e con il concreto coinvolgimento  del Lions Club Palermo Leoni, che, unitamente al Comune di Palermo ed all’A.I.O.L.P,  ha voluto patrocinare il convegno,  rappresentato dal suo presidente, dr Francesco Marino e altri Officer Distrettuali Lions , quali il prof. Amedeo Tullio, Past Governatore Lions Sicilia, il dr. Vittorio Di Carlo, presidente della Prima Circoscrizione, il dr. Gabriele Miccichè, Direttore del Campo Italia, l’ing. Attilio Carioti, Presidente della Zona 3, il dr. Paolo Valenti, presidente del Comitato Internazionale “Lo sport, un mondo che unisce le differenze” , il dr. Enzo Traina, Redattore della Rivista Distrettuale Lions Sicilia, corrispondente della Prima Circoscrizione e tanti altri Officer, distrettuali e di Club.

Dato l’interessante argomento, non ci si poteva che attendere una nutrita presenza di pubblico, motivato e attento. Oltre a tanti ospiti, centoventi iscritti, soprattutto studenti, che hanno ulteriormente “caricato” gli illustri relatori presenti.

Puntuale l’apertura dei lavori, sotto la presidenza del professor Riccardo Speciale, direttore della clinica ORL dell’Università di Palermo 

Il saluto di presentazione è stato dato dal Colonnello  della Guardia di Finanza Marco Ferretti ed, a seguire, dalla dottoressa  Giovanna Marano Assessora del Comune di Palermo alla Scuola,   Lavoro, Sanità, Giovani, Parità di genere del Comune di Palermo, che ha espresso l’interesse dell’Amministrazione Comunale nei confronti del rumore e dell’inquinamento acustico ed ha auspicato la nascita di un “laboratorio di creatività”, che faccia scoprire il mare, al ritmo della musica e dal dottor Leopoldo Piampiano Assessore alle  Attività economiche, Mercati, SUAP, Canile(Comune Palermo). 

Breve indirizzo di saluto anche dal dr. Toti Amato, Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo, che, dovendosi assentare per precedenti impegni istituzionali, ha augurato ai presenti un buon proseguimento dei lavori, indi

 Il dr. Francesco Marino, Presidente del Lions club Palermo Leoni, ha evidenziato che l’iniziativa rientra nell’ambito del programma Lions, service di rilevanza nazionale: “Vincere la sordità è possibile, basta perseverare”. I Lions, sempre attenti ai bisogni della comunità sono impegnati da anni sulla prevenzione della sordità. L’interesse dei Lions per la sordità risale al 2006 con il progetto “mai più bambini sordi “che successivamente è diventato service nazionale. In Italia fin dal 2007 esiste il Centro Nazionale Lions “Udito e Ortofonia” con l’obiettivo di promuovere e coordinare iniziative ed incontri atti a sensibilizzare la popolazione sul problema con screening, donazioni a favore di ospedali ed enti pubblici, pubblicazioni e incontri e convegni. Anche in Sicilia negli anni sono stati organizzati tour itineranti dedicati al controllo delle patologie dell’orecchio e uditive su un camper attrezzato. I Lions sono impegnati nel prevenire la sordità infantile attraverso campagne nelle scuole, con la realizzazione di una brochure volta a sensibilizzare genitori e docenti, sul problema.   

A seguire la relazione del dr Aldo Messina, “Suoni, rumori e vibrazioni”. Nel non facile compito di trattare i temi della fisica acustica, ha centrato l’attenzione degli uditori tra rumore come fenomeno fisico (pertanto misurabile) e psicoacustico: gli effetti del suono che entra dentro ognuno di noi e su come conciliare questi due aspetti così diversi tra loro. E’ rumore ogni suono che dà fastidio(psicoacustica) indipendentemente dalla sua intensità e frequenza misurabile(fisica). Parlando dell’esame audiometrico e l’analisi dei suoni puri, ha detto che “L’uomo è come un diapason” e d'altronde lo stesso Goethe diceva che ogni essere vivente è “musica cristallizzata”.

Il dr Cirillo Fazzini, responsabile Nucleo Operativo Polizia Ambientale della Polizia Municipale di Palermo, ha esposto le normative che regolano la rumorosità ambientale, (art. 155 cod. della strada, art. 659 codice penale) soffermandosi sull’inquinamento acustico, sui rumori impulsivi e sui ritmi, spiegabili con la successione di Fibonacci, che in una slide così recita: La spirale aurea: “Quando l’universo diventa armonia”. 

Il dr Francesco Cupido “Diagnosi audiologica” ha posto l’attenzione sulle metodiche cliniche diagnostiche utili a svelare una sordità da rumore.

A seguire il dr Cataldo Pellegrino che ha posto l’accento sull’importante tema della “Prevenzione” dei danni uditivi.

 Il Prof Gianfranco Cupido è stato innovativo nell’esporre quel poco noto fenomeno per il quale si può osservare una vertigine quando si è esposti al rumore: “Fenomeno di Tullio”.

Ma il rumore non determina solo danni al sistema uditivo. L’argomento è stato affrontato dal dr Giovanni Cimino “Effetti extra uditivi del rumore” (effetti sul sistema digerente, circolatorio, endocrino) e dalla professoressa Brigida Fierro “Conseguenze neuropsicologiche del rumore” (Disturbi del sonno in testa).

Seguiva la relazione volta a presentare i sistemi di riabilitazione per mitigare l’eventuale danno da rumore: dr Massimiliano Dotti “La ricerca audioprotesica. Protesi acustiche ed impianti cocleari”.

Dopo tanto rumore, un po’ di silenzio. Il dr Roberto Gino “Esiste un danno alla salute nel silenzio?”. Un tema poco noto: esiste l’inudibile ma non il silenzio, inteso come immobilità ed assenza di vibrazione.  Che effetti determinano queste vibrazioni non udibili (esempio quelle elettromagnetiche) in testa?

Si concludeva con gli aspetti che riguardavano la medicina del Lavoro e l’eventuale indennizzo INAIL con il dr Guido Lacca “Rumore e medicina del lavoro” ed il dr Massimo Montana “Statistiche INAIL su ipoacusie occupazionali “ed infine il dr Girolamo Augusta “La visita medico legale per il porto d’armi”. 

A concludere gli aspetti medico legali relazionati dalla professoressa Stefania Zerbo con la relazione “Problematiche medico-legali”.

L’organizzazione congressuale, videoregistrazione e provider è stata affidata a “Servizitalia” di Alberto e Fabio Vajana con la costante assistenza in sala di Daniela Messina

Le attività corsuali sono state offerte gratuitamente grazie alla sponsorizzazione di Maico Tecnic Phon Center di Palermo ben rappresentata dal dr Michele Badagliacco.