news-details
MESSINA COLAPESCE

Per una Sicilia senza catene per eliminare diseguaglianze e disparità

#messina - Sul tema distrettuale la “Sicilia tra disuguaglianze e diversità”, il Lions Club Messina Colapesce ha inaugurato sabato 14 novembre 2020 l’anno sociale, che il Presidente Marisa Volpini ha sottolineato volere essere un percorso volto alla condivisione di relazioni umane e alla realizzazione di service improntati alla solidarietà. Sugli aspetti della criticità e delle misure da adottare per il recupero della crescita del mercato del lavoro in Sicilia si è soffermato Sebastiano Tamà, responsabile area 2 del Tema di studio, parlando di “un’isola senza catene” per eliminare disuguaglianze e disparità. Concetti ribaditi dal delegato distrettuale, Mirella Furneri che, richiamando l’autonomia dello Statuto siciliano, ha esposto piani per andare oltre l’assistenzialismo e raggiungere obiettivi misurabili. Loredana Ferluga, associato di Diritto del Lavoro nell’Ateneo messinese, ha sviluppato nella sua esposizione, “Nuovi” soggetti deboli e mercato del lavoro in Sicilia, la grave crisi economica che ha portato alla realizzazione di un processo di precarizzazione del tradizionale rapporto di lavoro a tempo indeterminato attraverso la moltiplicazione dei rapporti atipici strutturalmente precari, iniziata già con il decreto sulla liberalizzazione dei contratti a termine. Oggi si registra un ampliamento dei “soggetti deboli” e dei nativi precari: i dati sono allarmanti, poiché nel secondo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo 2019 c’è una perdita di posti di lavoro del 5,5% con una diminuzione degli occupati che in Sicilia scende al 39,6%. Sono necessari, ha proseguito Ferluga, sostegni finanziari efficienti, tempestivi accompagnati da grandi progetti infrastrutturali, interventi a sostegno delle imprese con l’avvio di una politica del credito, misure di contrasto alla povertà, azioni in materia di formazione e di informazioni sul mercato del lavoro, azioni volte a individuare meccanismi di selezione per le imprese che fruiscono dei benefici. Il presidente di zona, Rosa Torre, ha rilevato il senso del valore e il momento aggregativo per progettare nuove opportunità per il futuro e il presidente di circoscrizione, Guido Graffeo, ha posto in rilievo le difficoltà attuali dovute alla crisi economica e all’emergenza sanitaria quali elementi che hanno accentuato la povertà. Sull’attualità del tema e sulle iniziative da porre in essere sono intervenuti i Past Governatori Francesco Freni Terranova e Giuseppe Scamporrino; Maurizio Gibilaro, secondo vice governatore, si è soffermato sulla maggiore incisività che i Lions devono avere nel tessuto sociale; Francesco Cirillo, primo vice governatore, ha richiamato la globalizzazione e le incisive conseguenze nella società. Il PCC, Salvatore Giacona, ha messo in evidenza l’immobilismo in cui versa la Sicilia, snodo nella geo-politica mediterranea. Il Governatore del Distretto, Mariella Sciammetta, ha coniugato salvaguardia del lavoro e dignità della persona, rifiutando il concetto dell’assistenzialismo per cogliere invece il senso della tutela e l’umanizzazione delle norme.


Il Lions Club di Comiso dona sussidi per la scuola per l’infanzia Sa...

Capo d’Orlando, conferenza sul diabete pediatrico