news-details
Distretto 108Yb

Scorie nucleari in Sicilia, si oppone il Distretto 108Yb Sicilia

I Lions decidono di fare da cassa di risonanza

Il Distretto Lions 108 Yb Sicilia, decide di dare voce ai Siciliani, entra così con vivacità nel dibattito che riguarda sicuramente il futuro della nostra amata Sicilia; un’isola nel mare che sembra diventare una barca senza remi; il Governatore Mariella Sciammetta ha ritenuto di dare, quindi voce ad un opportuno dissenso e questo lo fa con la produzione di osservazioni alla proposta di localizzazione del deposito unico nazionale per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi a bassa e media densità nel territorio della Regione Sicilia. Con un report a cura della Commissione Area Ambiente del Distretto Lions 108 Yb Sicilia e con relatore Rosario Bonvissuto (Lions Club Licata) , è stato realizzato un documento molto dettagliato, che riesce a dare un ottimo imprinting comunicativo. In estrema sintesi la «CNAPI», Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee, prevede 67 aree distribuite in quasi tutte le regioni italiane, individuate dall’ISPRA nel 2014. Quattro, di queste, si trovano in Sicilia: “due a Trapani e Calatafimi-Segesta; una nella provincia di Palermo (tra Castellana Sicula e Petralia Sottana); ed una a Butera”. I Lions decidono di fare da cassa di risonanza: il territorio siciliano è geodinamicamente attivo e predisposto a frequenti fenomeni naturali quali terremoti, vulcani e subsidenza, con attività vulcanica; tettonica salina; compattazione differenziale dei sedimenti. Ma vi è dippiù: La provincia magmatica siciliana è costituita da numerosi centri vulcanici, localizzati nella parte Est della Sicilia, nel canale di Sicilia e nel Tirreno del Sud. L’Etna è indubbiamente il vulcano più studiato e conosciuto di questa provincia; altri centri eruttivi comprendono gli Iblei, Pantelleria, Linosa, numerose catene marine nel canale di Sicilia, l’isola di Ustica e il campo lavico del Prometeo nel Tirreno del Sud. La regione siciliana non ha le caratteristiche geologiche richieste per concorrere alla scelta del deposito nazionale e del parco tecnologico. I motivi: a) criterio di esclusione, la Sicilia risulta da sempre essere interessata da attività vulcaniche attive e in quiescenza - (Etna - Stromboli-Lipari Vulcano – Panarea - isola Ferdinandea, Pantelleria etc.); l’intero territorio è caratterizzato dalla presenza diffusa di punti geohazard (gli eventi sismici con magnitudo superiori e/o uguali a 4.0 individuano punti geohazard ad alto rischio sismico). Per quanto detto ed osservato, l’Associazione Internazionale dei Lions Clubs - Distretto 108yb Sicilia, nella qualità di soggetto portatore di interesse diffuso, ha rappresentato nelle sedi opportune la propria opposizione alla scelta del sito per la realizzazione del deposito nazionale e del parco tecnologico.


Marsala, consegnato un sanificatore per il Comando dei Vigili Urbani

Comiso, donati giocattoli all’asilo "Kreatimondo"