news-details
Zona 20

Visita amministrativa del governatore Collura ai Clubs Lions della Zona 20 della VII Circoscrizione

Il Governatore del Distretto 108Yb Sicilia, dott. Angelo Collura, ha dato inizio ad un ciclo di visite amministrative ai Clubs della VII Circoscrizione

Il Governatore del Distretto 108Yb Sicilia, dott. Angelo Collura, ha dato inizio ad un ciclo di visite amministrative ai Clubs della VII Circoscrizione, ristabilendo una metodica, che era stata eliminata negli ultimi due anni, tanto che l’ispezione amministrativa ai vari Clubs era stata modificata realizzando un semplice collegamento video on-line, ma, questo ostacolava l’empatia che si genera con i contatti umani diretti. Il governatore Collura ha adesso recuperato l’antica abitudine di far visita ai vari Clubs secondo una successione di appuntamenti, per cui ora li incontra personalmente, restituendo alla visita la linea originaria, ossia quella di un momento di confronto diretto, di comunicazione autonoma dei soci e del direttivo, che così possono portare al tavolo d’incontro tutte le possibili problematiche, i vari bisogni, le esigenze evidenziate, richiedere consigli, supporto, ottenere sostegno ed operare per cercare soluzioni idonee a qualsiasi problema presentatosi.

Il secondo incontro è stato realizzato, giorno 19 ottobre 2019, nella mattina, presso la struttura ricettiva Agriturismo Badiula, momento in cui il Governatore ha incontrato i quattro Clubs della Zona 20 della VII Circoscrizione, condotta, per quest’anno sociale 2019/2020, dall’ing. Roberto Monteforte, svolge, invece, le funzioni di Segretario il dott. Umberto Vanella.  È Presidente di Zona in Sede, altresì, il dott. Francesco Ragazzi.

Hanno portato il proprio contributo, all’atto dell’incontro nella Sala Conferenze dell’Agriturismo Badiula, dopo la visita amministrativa, il Segretario, dott. Giacomo Medulla, in sostituzione del Presidente del Club Scordia-Palagonia-Militello Val di Catania, dott. Nunzio Rapisarda; a seguire, il Presidente del Club Priolo Gargallo, Maria Teresa Miotto; in seguito, il Presidente del Club Lentini, prof. Salvatore Ragazzi; infine, il Presidente del Club Augusta Host, dott. Vincenzo Di Domenico. Presente un Assessore di Lentini, a fare le veci del Sindaco. Erano presenti alcuni Officers distrettuali, il Segretario Distrettuale, avv. Gaetano Salemi, il Tesoriere Distrettuale, dott. Giovanni Volpe, il Cerimoniere Distrettuale, avv. Daniela Marchese Ragona, ed il Vice Cerimoniere Distrettuale, dott.ssa Lorena Maltese. Ha presenziato il 2° Vice Governatore, dott. Franco Cirillo, che ha portato un indirizzo di saluto.


Il Governatore ha ringraziato i quattro Presidenti della Zona 20 e si è complimentato per le parole pregnanti, che ha udito da parte dei soci. Si palesa felice di aver sentito parlare di amicizia, in quanto essa è una virtù e, al di là delle parole, “dobbiamo spingerci oltre, dobbiamo rispettare il cambiamento, ma, anche, essere custodi delle tradizioni. Passa il tempo, però, i principi ed i valori, che regolano la storia del lionismo, sono sempre gli stessi, infatti, il codice dell’etica, la preghiera, gli scopi sono sempre gli stessi”, ha spiegato. “Noi possiamo, sì, adattarci alle esigenze del territorio, ma, necessariamente, dobbiamo accettare il cambiamento per comprendere i giovani. Non possiamo, però, uscire fuori dai pilastri, dai canoni, che sono dati dai valori, che sono racchiusi in quei temi che noi oggi affrontiamo a livello globale. Qui non si tratta di cambiare il lionismo, sono le esigenze del territorio che cambiano, noi dobbiamo essere solo bravi a compenetrarci in questo cambiamento. Noi ne veniamo travolti e, poi, ci chiediamo perché i Lions non crescono a livello associativo. Rischiamo di sbagliare se pensiamo che il servizio sia legato soltanto agli uomini, in quanto anche piccoli Clubs, sono costituiti da persone che rappresentano ugualmente l’eccellenza, ciascuna di loro lo è. Ma, allora, perché un Club di pochi elementi non cresce? C’è bisogno di cambiare l’offerta che noi diamo nel territorio. Il ruolo di sussidiarietà nel territorio diventa imprescindibile. Noi interveniamo nelle calamità, ma, non perché vogliamo sostituirci alle istituzioni. E’ arrivato il momento di assumere nella comunità un ruolo importante, che diventa intermediazione con le istituzioni. La nostra forza è la diversità, noi siamo la società e non un semplice segmento, noi non possiamo sottrarci dalla responsabilità che abbiamo, dell’importante ruolo che assumiamo. Prima c’era la politica che interveniva a farsi portavoce dei bisogni, ma, ora, quel ruolo non esiste più. Esiste una disgregazione assoluta per eccesso di individualismo delle Associazioni, non rappresentano più la società, ma, solo determinati settori. L’istituzione, invece, si deve rapportare con tutta la società ed i Lions sono la società. Quando un Sindaco si rapporta con un Presidente di Club, si sta rapportando con tutta la società, rappresentata da tutte le nostre professionalità, sta parlando con tutti noi. Nella società possiamo, di fatto, concretamente, rappresentare una cinghia di trasmissione, generare un’osmosi vera, possiamo essere protagonisti attraverso un’azione seria, corale. Il lionismo ha bisogno di serenità, non di contrapposizioni, ha bisogno di seguire le regole e, se si è sbagliato fino ad ora, non significa che bisogna continuare a sbagliare”. Il Governatore fa riferimento al past governatore Rosario D’Onofrio, presente all’incontro, dicendo che le sue parole rappresentano delle pietre miliari, che il suo pensiero per noi è importante. “Noi dobbiamo avere rispetto della nostra storia, il passato non diventa futuro, se non passa dal presente ed il presente siamo noi. Dobbiamo trascinare questa grande famiglia verso il futuro, noi siamo una massa in movimento, che travolge tutti e cinque i Continenti, noi siamo diventati una marea umana, fatta di persone che servono. Dimostrazione ne è stata la Convention di Milano, eravamo presenti oltre 178 Paesi, immaginate quale Associazione più forte della nostra possa esistere… Noi siamo pensiero. Tutti i Clubs devono cercare di fare squadra, la nostra forza è l’impatto, la capacità che avremo di essere presenti nel territorio e di travolgere con l’entusiasmo, se noi non ci entusiasmiamo per le cose che facciamo, non saremo nulla. Noi abbiamo bisogno di Lions che si emozionino e l’emozione è contagiosa, noi dobbiamo agire con sentimento, siamo tutti parte integrante di una squadra. Io sto cercando di portare sempre più in alto i valori del lionismo. Quello che facciamo è davvero poco, se lo facciamo da soli, ma, se lo facciamo tutti insieme, riusciremo a travolgere ed a coinvolgere”.






Visita amministrativa del governatore Angelo Collura ai Clubs della Zo...

Visita amministrativa del governatore Collura ai Lions Clubs della Zon...